La displasia all’anca si combatte da cuccioli…

Risultati immagini per cane grande

Chi ha o ha avuto cani soprattutto dì taglia grande o gigante conosce la sofferenza degli amici a quattro zampe che, invecchiando, fanno sempre più fatica a camminare a causa della displasia dell’anca, una grave malformazione che la medicina veterinaria è oggi in grado di affrontare.

È, però, fondamentale la diagnosi precoce, nonostante i primi segni non siano visibili a occhio nudo nei cuccioli: «Ma dai tre mesi e mezzo i veterinari li possono rilevare con sicurezza», spiega Aldo Vezzoni, veterinario e presidente FSA (Fondazione Salute Animale).

  • «Nei casi più lievi si potrà intervenire attraverso il controllo dell’alimentazione e opportune norme di comportamento». In quelli più gravi si dovrà, invece, ricorrere a «interventi chirurgici correttivi che, se effettuati a questa età, risulteranno minimamente invasivi per il cucciolo rispetto a quelli necessari in età più avanzata. Con l’artrosi avanzata e invalidante solo una protesi totale d’anca potrà migliorare la qualità della vita del cane».

Oggi i veterinari incoraggiano anche i futuri proprietari a richiedere all’allevatore un particolare pedigree detto «riproduzione selezionata», rilasciato solo ai cuccioli nati da genitori selezionati e controllati per gli aspetti sanitari tipici di ciascuna razza, oltre che per carattere, bellezza e attitudini.

 

Fonte: un articolo di Marco Ronchetto, tratto da Ok Salute e Benessere, novembre 2016

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi),  ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata. 

Be Sociable, Share!

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *