Aiuto, cadono i ciuffi di pelo. E’ tutta colpa di un fungo!

Risultati immagini per cane con la tigna

Tra le micosi più contagiose e che possono interessare anche l’uomo c’è la tigna, causa alopecia, ma per fortuna, spesso, guarisce da sola e l’animale torna bellissimo.

Cane, gatto e coniglio sono gli animali domestici più frequentemente colpiti da dermatofitosi, dette anche ‘micosi’ o ‘malattie fungine’.

Si tratta di patologie infettive particolarmente contagiose, che colpiscono pelo, unghie e strato corneo della cute.

  • Fra questi il più comune è il Microsporum Canis, responsabile della tigna (malattia trasmissibile da cane a uomo e viceversa), maggiormente frequenti, in particolare negli individui con scarse difese immunitarie, congenite o acquisite a seguito di un lungo trattamento cortisonico o antibiotico.

In generale i soggetti più a rischio sono cani e gatti di giovane età o molto anziani; queste micosi provocano lesioni cutanee dall’aspetto tondeggiante, leggermente rilevato e privo di pelo, dalla caratteristica forma circolare.

  • Le regioni più colpite in prevalenza sono: testa, arti, dorso del naso, apici dei padiglioni auricolari e zona sopra orbitale.

Risultati immagini per cane con la tigna

Nella maggior parte dei casi queste lesioni si risolvono spontaneamente senza alcun tipo di trattamento, infatti, il fungo una volta raggiunta una certa dimensione, smette di propagarsi e di assiste così a una evidente guarigione con ricrescita del pelo.

  • Però qualche volta capita che il tempo di incubazione dopo il contagio sia lunghissimo e che il soggetto si presenti asintomatico, in tal caso, la diagnosi deve essere effettuata mediante coltivazione su terreni specifici che permettono la crescita di colonie fungine di tempo variabile di 6-8 giorni, il veterinario dovrà prelevare piccoli quantitativi di pelo da inviare in laboratorio per evidenziare quale sia l’agente da combattere con un selettivo trattamento farmacologico.

Qualora, invece, a presentare queste lesioni rotondeggianti fossimo noi, sarà opportuno recarsi subito da un valido dermatologo prima di contagiare tutta la famiglia.

Sintesi dell’articolo del dottor Nico Tavian (veterinario) – fonte Gente, 13 dicembre 2016

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi), ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata.

 

Be Sociable, Share!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *