Come (e perché) chiamare il gatto per nome!

Il gatto nella foto si chiama Bobo

Quando ci rivolgiamo al nostro micio, chiamiamolo sempre per nome. Per esempio: «Ciao, Tom», «Ecco la pappa, Tom», «Ehi, Tom, ti va di essere spazzolato?» e così via.

Il gatto risponderà al suono e al modo in cui lo pronunciamo.

Usiamo toni affettuosi e non nominiamo il suo nome quando lo rimproveriamo, per non correre il rischio che lo associ a un sentimento negativo. A poco a poco imparerà a riconoscersi.

All’inizio, forse sarà necessario ricorrere a qualche suono incoraggiante per indurlo ad avvicinarsi, soprattutto se è ancora un cucciolo. Scuotiamo una scatola del cibo che preferisce, oppure apriamo una scatoletta e chiamiamolo ma poi badiamo a non fargli associare soltanto la pappa al nome… rovineremmo tutto.

Ogni volta che “risponde” accarezziamolo e vezzeggiamolo, in modo che il nostro amico associ la risposta al richiamo a un’esperienza positiva.

A mano a mano che comincia a rispondere, proviamo a chiamarlo da altre stanze della casa e, non appena si presenta, copriamolo di coccole perché sì abitui ad associare la chiamata a un’esperienza a un’esperienza molto positiva.

 

Fonte: Amici di Casa, agosto 2017


zooplus.it

Be Sociable, Share!

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *