Ma che bel gattone, che orecchie grandi che hai!

L’udito dei gatti è incredibilmente sensibile.

La scrittrice Ella Maillart diceva di avere l’impressione che la sua gatta «non potesse vedere niente senza utilizzare le orecchie». Il francese Jean-Louis Hue disse delle orecchie del gatto: «Afferrano i suoni come la mano afferra un oggetto».

  • Già la loro forma è straordinaria: ciascun orecchio si muove indipendentemente dall’altro grazie all’azione di quindici muscoli. I padiglioni auricolari rivestono un’importanza fondamentale: grazie a questi il felino può localizzare ogni fonte sonora e calcolarne con precisione la distanza.

L’udito non riposa neppure durante il sonno: quante volte ci capita di nominarlo mentre dorme e vedere che muove le orecchie come a dire “parlate di me?”. Il gatto è meraviglioso anche per una sua caratteristica percettiva: i rumori privi d’interesse, per quanto forti, sono captati ma eliminati dalla percezione. Però bastano il fruscio di un topo, l’apertura dello sportello del frigorifero o altri suoni evocativi o inquietanti per svegliarlo subito.

Le orecchie del gatto sono vigili ventiquattr’ore al giorno. Probabilmente è per questo motivo che riposa per intervalli di tempo molto brevi, e quindi ha bisogno di lunghi periodi di sonno.

  • Ai gatti piace la musica. Prediligono, però, le melodie che ricordano suoni della natura, come il cinguettio degli uccelli o lo scorrere dell’acqua.

 

Fonte: Amici di Casa, marzo 2018

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi), ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata.

 

Be Sociable, Share!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *