Gatti: la filariosi colpisce anche loro!

La filariosi cardiopolmonare del gatto può passare inosservata per lungo tempo, se non addirittura per tutta la sua vita: i vermi adulti determinano un certo ingombro all’interno del cuore ma se il micio conduce una vita molto tranquilla i sintomi possono essere del tutto assenti.

  • Per questo è più facile che la malattia causi un decesso improvviso piuttosto che segni clinici appariscenti, per esempio difficoltà di respirazione, emorragie nasali, svenimenti, vomito e dimagramento.

Per confermare la parassitosi occorre un semplice esame del sangue, che è opportuno eseguire annualmente per i soggetti che vivono nelle zone a rischio.

A differenza di quanto avviene nel cane, contro la filariosi cardiopolmonare felina non esistono protocolli terapeutici validi: i mici contagiati vanno trattati con cure di sostegno, in attesa che il ciclo vitale delle filarie adulte si esaurisca in maniera spontanea. Per questo motivo è fondamentale la prevenzione che dovrebbe sempre essere intrapresa sui gatti che frequentano, pur saltuariamente, le località del nostro Paese dove l’infestazione è segnalata.

  • La profilassi consiste nella somministrazione di farmaci specifici, che impediscono lo sviluppo delle larve eventualmente trasmesse al micio dalle zanzare.

 

Fonte: Amici di Casa, luglio 2018




Be Sociable, Share!

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *