Pets, non solo vaccinazioni: attenzione ai parassiti!

Qualunque sia la destinazione prescelta, per il cane e, in alcuni casi, anche per il gatto, sono fondamentali alcuni trattamenti antiparassitari.

I parassiti più comuni sono quelli esterni (quali pulci, zecche, acari), ma anche quelli interni (vermi tondi e piatti). Per chi resta in Italia, è bene ricordare che tutto il bacino del Mediterraneo, compreso Sardegna, Isola d’Elba, Argentario, Sicilia e tutto il Sud è endemico per la leishmaniosi canina, una malattia causata dalla puntura del pappatacio, un piccolo insetto simile alla zanzara.

Se ci si reca in queste zone, prima di partire è indispensabile provvedere all’applicazione di appositi antiparassitari concordati con il veterinario curante. Verranno proposti, a seconda dei casi, trattamenti spray, spot-on (sotto forma di gocce da collocare tra le scapole) o collari che agiscono come repellenti per il pappatacio. A scopo preventivo, in ogni caso, è sempre consigliabile non fare uscire il cane nelle ore del tardo pomeriggio e non farlo dormire all’aperto di notte, ossia nelle fasce orarie in cui l’insetto è più attivo.

  • In Pianura Padana, invece, il rischio è la filariosi cardiopolmonare, malattia parassitaria molto diffusa e pericolosa che si può prevenire con una profilassi per via orale o iniettiva, nel periodo a rischio (inizio primavera-fine autunno), secondo indicazioni del veterinario.

 

Fonte: tratto da Casa in Fiore, luglio 2018

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi), ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata.

Be Sociable, Share!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *