Alimentazione gatti: nuovi sapori? Andiamo per gradi…

Studiando le abitudini alimentari dei piccoli felini, è stato assodato che le probabilità che un giovane gatto scelga un sapore nuovo e insolito sono superiori in presenza della madre piuttosto che in sua assenza.

A sostegno di tali evidenze, è stata condotta un’ulteriore ricerca durante la quale sono stati scelti due gruppi di gattini in fase di svezzamento, il primo dei quali lasciato insieme alla mamma e il secondo separato dalla gatta al momento dei pasti.

In entrambi i casi sono stati impiegati alimenti nuovi, mentre per i cuccioli del primo gruppo il periodo medio di accettazione del cibo è risultato di poche ore, per quelli del secondo il tempo trascorso per assaggiare la novità si è dilatato fino ad alcuni giorni.

Per tutti questi motivi gli etologi ritengono che le preferenze alimentari non siano tutte innate ma in parte acquisite sulla base delle influenze sociali (nei primi due mesi di vita) e dell’esperienza individuale maturata successivamente.

  • Di conseguenza, è meglio offrire ai gattini che entrano a far parte della nostra famiglia gli stessi mangimi cui erano abituati in compagnia della madre e dei fratelli.

La cosiddetta neofilia alimentare, ovvero la preferenza per un cibo mai assaggiato nel corso della propria esistenza, si riscontra maggiormente negli adulti: si tratta in effetti di un comportamento che, comune nei carnivori, consente una diversificazione dietetica a favore di un bilancio nutrizionale migliore.

 

Fonte: Amici di Casa, dicembre 2017


Purina Gourmet, Perle, pregiato cibo per gatti, filettini di carne di pollo, manzo, salmone e coniglio, cibo umido di alta qualità, 60 pezzi x 85 g per ogni bustina

€37,35
Acquistalo su Amazon.it

Be Sociable, Share!

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *