Vorrei adottare un coniglio. Quali consigli può darmi?

 

Il coniglio non è meno impegnativo del gatto, soprattutto per i costi di mantenimento e le spese mediche. Inizialmente è necessaria un’accurata visita per accertarsi che non ci siano parassitosi in atto e procedere con i vaccini annuali.

  • Poi, essendo un animale ad accrescimento dentale continuo, avrà bisogno di controlli dentali periodici e molto spesso di limature dei denti.

Bisogna, inoltre, essere coscienti che il coniglio non va tenuto in gabbia, ma che ha bisogno di spazio per poter saltellare e muoversi liberamente. Dobbiamo anche mettere in sicurezza la casa, coprendo tutti i cavi elettrici. Il coniglio può essere attirato da mobili, libri e ogni cosa sia possibile mordere e masticare, soprattutto se si annoia.

Ma il modo per ovviare a questi inconvenienti c’è: dargli dei giocattoli e giocare con lui.

La base della dieta è rappresentata dalle fibre, quindi va bene il fieno, che deve essere fresco e senza muffe, oltre alla verdura fresca. Sono assolutamente vietati i cereali, quindi pane, biscotti e prodotti del supermercato a basso costo. Infine è importante sapere come avvicinarsi ed entrare in contatto con lui: non ama essere preso in braccio, alzato e costretto.

  • Comprenderlo soprattutto per i bambini non è semplice e, infatti, il rapporto tra loro e il Bugs Bunny di famiglia non è sempre positivo.

 

Fonte: un articolo della dottoressa Michela Pettorali, medico veterinario – tratto da Nuovo Consumo, gen/feb 2019

 




Be Sociable, Share!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *