La bella storia di Debora Rizzo, la volontaria che aiuta i cani che nessuno vuole!

Fonte immagine: https://www.guardachevideo.it/video/11780/tutta-la-vita-in-canile:-l-adozione-del-cane-lupo-e-da-record-e…-bellissima

 

Abitavo in Svizzera e non era difficile incontrare ogni giorno cani, gatti, mucche, galline e ogni genere di animali; a tutti avevo dato un nome e tutti erano speciali. All’età di 11 anni la mia famiglia si è trasferita in Italia e sono arrivata in Calabria. Fin da subito mi ha colpito il numero di cani e gatti in giro per le campagne e per le stradine del paese; chiedevo di chi fossero, ma non mi rispondeva nessuno.

Così, ho smesso di domandarlo, perché ho capito che erano anime sole, non erano di nessuno. E ho cominciato a prendermi cura di loro.

  • Il primo cane di nessuno a cui ho aperto la porta di casa è stato Joy, un meticcio dal pelo nero. È diventato la mia ombra per molti anni e mi ha insegnato che la gratitudine è un valore importante.

Qualsiasi cosa facessi, lui scodinzolava felice.

Alcune volte alla sera stavamo accoccolati uno di fianco all’altro e sembrava dirmi “grazie per avermi accolto”, “grazie per il biscotto di oggi”, “grazie per i baci sulla fronte” e “grazie per prenderti cura di chi è stato meno fortunato di me”. Perché se anche ero una ragazzina, non mi dimenticavo mai di portare l’acqua all’angolo della strada o una ciotola con il cibo che avanzava a casa per i randagi che vagavano nella zona.

Una volta raggiunta la maggiore età ho cominciato a fare volontariato nei canili: c’era tanto da fare e quando pensavo di aver finito, mi accorgevo, che avrei potuto ricominciare di nuovo e così all’infinito. E dietro quelle sbarre ho scoperto la realtà dei cani disabili e dei cani anziani. I primi hanno bisogno di fisioterapia e di cure mediche giornaliere, i secondi di poter terminare la loro vita con serenità e dignità.

I primi tre disabili che ho portato a casa sono stati Sun, Sofia e Swami, tre fratellini con le ossa frantumate; nessuno ha mai capito chi o che cosa li avesse ridotti in quelle condizioni, di fatto l’incidente aveva lasciato loro problemi neurologici che impedivano una corretta deambulazione e cecità e sordità quasi totale. Non potevano certo stare in canile. Swami è deceduta quasi subito per un collasso polmonare, Sun e Sofia sono rimaste con me e oggi si muovono con il supporto di un tutore.

Decidere di prendermi cura di loro mi ha aperto gli occhi e mi ha regalato una nuova arricchente consapevolezza: gli animali non si sentono sminuiti dalla disabilità e non fanno confronti.

Per loro ogni singolo istante è prezioso e non perdono tempo a commiserare e a farsi commiserare. Seppur nel loro mondo di ombre e suoni confusi, mi hanno insegnato a vivere la quotidianità come se fosse un’avventura piena di bellissime sorprese.

Un giorno i miei occhi hanno incontrato quelli di un cane vecchio: femmina, si chiamava Nike, aveva 17 anni e le zampe posteriori non la reggevano più. L’ho messa in auto e l’ho portata a casa.

Non sapevo quanto tempo le rimanesse, ma volevo che i suoi ultimi giorni fossero confortevoli e che conoscesse, anche per poco, il calore di una famiglia. E così Nike ha cominciato a vivere al riparo dal vento pungente della notte, adagiata su una calda coperta e coccolata da due infermieri speciali, Sun e Sofia.

Ed è successo quello che speravo: i suoi occhi sono diventati sereni e, mentre la coccolavo, mi ha fatto capire che era felice. Si è spenta dopo un mese, attorniata dall’affetto e dalla compagnia, come dovrebbe accadere a tutte le creature su questa terra…

PS: la storia di Debora e del suo profondo amore per gli animali, continua sul numero di confidenze del 19 dicembre 2017, recuperatelo, perché merita veramente di essere letta tutta.

 

Fonte: sintesi di uno splendido articolo di Marco Bergamaschi, su Confidenze 19 dicembre 2017

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi), ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata.

 

Be Sociable, Share!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *