Jack Russell: non è un cane da salotto!

Fonte immagine: https://www.centrodogtrainer.it/razze-riconosciute-enci/jack-russell.html

Nato per cacciare topi e volpi, è diventato il beniamino di casa. Lascialo giocare e correre: sarà felice e sano…

 

Due occhietti vispi, una codina dritta, zampette sempre in movimento: stiamo parlando dell’irresistibile Jack Russell. Molti lo scelgono “perché va di moda”, ma se pensi di adottarne uno devi prima conoscerlo e capire se fa per te. Per questo abbiamo chiesto di presentarcelo a Valentina D’Amico, dell’allevamento Dampuj (www.dampuj.it).

La storia «Il Jack Russell nasce nell’Ottocento in Inghilterra quando il reverendo Russell cercò di creare il cane perfetto per la caccia in tana: zampe corte, per muoversi agilmente nel sottosuolo, e coraggio per affrontare da solo la preda», spiega l’esperta. Probabilmente il reverendo incrociò terrier e bulldog per ottenere un animale con queste caratteristiche. In seguito fu creata la versione riconosciuta da tempo come razza, il Parson Jack Russell.

Il Jack Russell Terrier invece è stato riconosciuto dalla Federazione cinologica internazionale solo nel 2000.

Un piccolo grande cane «La storia della razza ti aiuta a capire il tuo amico», continua l’allevatrice. «Non devi farti ingannare dalla taglia e dal musetto carino: il Jack Russell è nato per correre e cacciare. Non è un cagnolino da salotto, ma un cane grande in un corpo piccolo. Ha bisogno di muoversi ed è perfetto per persone dinamiche che amano stare all’aria aperta e camminare, ma se selezionato con cura da un buon allevatore è comunque adatto davvero a tutti. Intelligente, curioso, versatile, parteciperà alle attività della famiglia: ti seguirà mentre riordini il garage, giocherà con i bimbi, ma saprà anche restare tranquillo vicino a te quando deciderai di rilassarti sul divano».

Sempre con te, quindi, ma anche indipendente e forte: «Il Jack Russell tende a creare rapporti basati più sulla fiducia che sull’obbedienza. Se è stato cresciuto nel modo giusto e tu non lo vizi troppo, non avrai problemi».

Tieni presente che è un’esplosione di allegria: inevitabilmente cambia la vita alla persona che decide di accoglierlo in casa. Simpatico, intelligentissimo e instancabile, riesce a sentirsi appagato sia se si trova all’inseguimento di un topo vero sia se sta cacciando un calzino o una pallina sotto il nostro letto.

Attenzione ai “falsi” Purtroppo negli ultimi tempi è scoppiata la “Jack Russell mania”, che non fa bene alla selezione della razza. Quando la richiesta diventa troppo alta ci si scontra inevitabilmente con “allevatori” improvvisati che guardano solo alla quantità dei cuccioli prodotti a discapito della qualità. Bisogna quindi fare attenzione quando vogliamo accogliere un Jack nelle nostre case e rivolgerci a un allevamento riconosciuto.

Gli bastano poche cure 

  • Il mantello del Jack Russell può essere di 3 tipi: liscio (basta una spazzolata), ruvido (deve essere toelettato da un professionista con lo stripping) o broken (pelo duro e corto, non ha bisogno di essere toelettato). Sempre a proposito del mantello: negli esemplari di razza il bianco deve sempre predominare sulle macchie che possono essere nere, marrone o tan. Esiste anche il tricolore e soggetti esclusivamente bianchi sono ammessi, purché abbiano mucose ben pigmentate di nero.
  • È una razza molto sana e rustica che non necessita di particolari cure. Potrebbe soffrire di lussazione della rotula e di cataratta ereditaria del bulbo oculare; negli allevamenti seri i soggetti da riproduzione vengono controllati per escludere che siano portatori di queste patologie.

 

Fonte: un bell’articolo di Laura Zoccoli tratto da Starbene, 1/06/15

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *