Cammelli o dromedari? Quali sono le loro differenze?

Fonte immagine: https://www.notizie24h.it/differenza-tra-cammello-e-dromedario/2884/

 

Viene da chiedersi quali siano le differenze tra dromedari e cammelli, due animali così simili benché appartenenti a specie diverse. La prima peculiarità che salta all’occhio è il numero di gobbe: due per il cammello e una sola per il dromedario; in realtà anche il dromedario possiede due gobbe, ma quella anteriore è quasi totalmente atrofizzata, anche se ancora visibile.

Le differenze sono tuttavia ben più profonde a iniziare dalle gobbe stesse: con la trasformazione del grasso in acqua, le gobbe del cammello si afflosciano, diventando come due sacchi vuoti; la gobba del dromedario, invece, si riduce gradualmente mantenendosi comunque rigida. Le altre caratteristiche che li differenziano, come il pelo – lungo per i cammelli e corto per i dromedari – o la costituzione – i cammelli sono più bassi e più pesanti -, derivano dal diverso luogo di origine delle due specie: se i dromedari, infatti, sono originari del Medio Oriente e quindi di luoghi caratterizzati da temperature elevatissime, i cammelli provengono dalle steppe dell’Asia centrale, dove, ad esempio nel deserto del Gobi, le temperature possono scendere fino a -40 °C e i terreni sono decisamente più rocciosi e accidentati.

Fonte: estratto da un bel servizio di Michelangelo Panza su L’Arca di Noè, puntata del 10/02/19

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *