Alla scoperta dell’American Pit Bull Terrier!

Alla scoperta dell'American Pit Bull Terrier!

 

È probabilmente oggi la razza più temuta e contro la quale sono state emesse più leggi.

Questo cane con la testa piatta e squadrata, le mascelle molto potenti, il collo e il corpo altamente muscolosi trasuda potenza. Per alloggiare le mascelle poderose, il muso è particolarmente largo in corrispondenza delle guance.

STORIA Questo terrier è stato selezionato specificamente per il combattimento fra cani ed è usato per questo scopo anche ai giorni nostri, spesso illegalmente. I suoi antenati sono gli Staffordshire Bull Terrier incrociati con i Bulldog.

NOTA In Gran Bretagna è consentita legalmente la proprietà solo di soggetti registrati e castrati.

 

 

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi), ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata.

 

Be Sociable, Share!

Sara & Simone

2 pensieri su “Alla scoperta dell’American Pit Bull Terrier!

  1. Ciao, Sara & Simone… un saluto dalla “compagna umana” di Kira, una splendida dobermann 🙂
    Avrei una precisazione da fare: il doby è un cane *da difesa* e non, assolutamente non, da guardia… o, meglio, la guardia la fa anche, ma di riflesso e non come compito principale.

    Mi spiego meglio.
    Guardia e difesa sono due “lavori” che richiedono indole diametralmente opposta: la guardia presuppone territorialità spinta all’estremo e questo comporta che, all’occorrenza, il cane proteggerà il territorio con tutto quello che c’è dentro (persone, cose, altri animali), mentre la difesa è incentrata in modo quasi assoluto sul padrone e sulla sua famiglia.

    In altri termini, può accadere che un ladro entri in casa ed il cane, invece di bloccarlo, corra immediatamente dal padrone e non si schiodi più dal suo fianco, infischiandosene del ladro nella stanza accanto.
    Non è indice di codardia, all’opposto: il cane da difesa si preoccupa innanzitutto del padrone, mandando – giustamente! – al diavolo tutto il resto e preparandosi a difenderlo se minacciato. In casi del genere, fossi io nei panni del delinquente, mi guarderei bene dal cercare di minacciare il proprietario, perché significa cercare e TROVARE guai, guai grossi.

    Ovviamente non sto escludendo che un cane da difesa non possa anche comportarsi da cane da guardia e viceversa, ma sono in molti – purtroppo – a commettere l’errore di confondere e sovrapporre le due cose, che vanno invece ben distinte, visto che sono basate su istinti differenti e differenti modalità di interagire e legarsi con l’essere umano.

    Un saluto da Mirella ed un BAUUU (ciaooo!) da Kira! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *