Parco monti Udzungwa, un paradiso di biodiversità!

Parco monti Udzungwa, un paradiso di biodiversità!

Oltre 120 mammiferi, 400 specie di uccelli, 2500 piante e tantissimi esemplari ancora da catalogare tra insetti e rettili: questa è la meraviglia dei monti Udzungwa, in Tanzania, uno dei luoghi più ricchi di biodiversità al mondo.

Ebbene, un ponte ideale, oggi ancora più saldo, unisce questo lontano lembo di terra africana all’Italia, e in particolare a Trento.

Primo museo italiano ad avere una sede permanente all’estero, il Muse (Museo delle Scienze di Trento), ha inaugurato nel parco dei monti Udzungwa un nuovo centro visitatori, struttura che si va ad affiancare al già esistente polo di monitoraggio, sempre a opera dell’ente museale trentino.

Il centro visitatori nasce in un luogo ancora povero, ma che già denota un elevato potenziale di crescita.

  • Giusto quindi porre da subito le basi per un turismo sostenibile, che sia in grado di educare i visitatori alla tutela di un ambiente pressoché incontaminato, dagli equilibri particolarmente fragili.

UNA VISIONE GLOBALE

L’inaugurazione del centro visitatori è stata l’occasione ideale per ribadire lo stretto legame che ormai unisce il Trentino alla Tanzania, dove da oltre dieci anni la regione promuove progetti di valorizzazione degli splendidi ambienti naturali locali. Come sottolineato da Sara Ferrari, assessore all’università e ricerca della Provincia autonoma di Trento, nel corso della cerimonia:

  • «La Provincia sostiene con convinzione sia le attività di ricerca del Muse, il cui apporto alla conoscenza della biodiversità degli Udzungwa è stato determinante, sia quelle delle associazioni trentine, impegnate a diffondere sviluppo e maggiore coscienza ecologica e ambientale nelle comunità che, come dappertutto, con il parco devono imparare a convivere, valorizzandolo anche in chiave turistica ed economica. Lo facciamo nella consapevolezza che il mondo oggi è uno solo, e che la tutela della foresta tropicale qui in Africa orientale rappresenta un contributo importante per tutto il pianeta».

Parole confermate dal viceministro all’ambiente e turismo tanzaniano Japhet Asunga, presente all’inaugurazione, che vede nell’esperienza del turismo sostenibile trentino un esempio virtuoso da seguire. A oggi in Tanzania solo il parco del Serengeti, noto in tutto il mondo, può contare su un supporto e una visibilità degni del suo patrimonio naturalistico…

 

Fonte: estratto da un bel servizio di Dario Ronzoni su L’Arca di Noè, maggio 2018
Fonte immagine: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Udzungwa_mountains-1.jpg

 




Be Sociable, Share!

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *