Perché il cioccolato fa male ai cani?

Perché il cioccolato fa male ai cani?

Perché il cioccolato fa male ai cani?

I veterinari disapprovano nel dare ai cani qualsiasi tipo di “cibo per le persone”, ma sono particolarmente irremovibili nel tenere il cioccolato lontano dai nostri amici canini.

Durante le feste come la Pasqua, quando il delizioso cioccolato può essere trovato più comunemente in casa, è ancora più importante essere vigili sul fatto che il tuo animale domestico possa inghiottire questa prelibatezza umana.

Ma perché il cioccolato, al latte o fondente, è così tossico per i cani?

Il cioccolato contiene le sostanze chimiche teobromina e caffeina e questi due stimolanti – che i cani non possono metabolizzare facilmente come le persone – si accumulano nel corpo dell’animale, dove possono aumentare le funzioni corporee del cane e causare pericolosi effetti collaterali, secondo VCA Animal Hospitals.

La gravità degli impatti negativi del cioccolato su un cane è determinata dai livelli di teobromina e caffeina nel prodotto a base di cioccolato, dalla quantità di cibo che il cane ha mangiato e dal peso del cane e dalla sensibilità agli stimolanti chimici.

  • Il cioccolato fondente e amaro è più tossico per i cani, poiché contiene una maggiore concentrazione di teobromina per oncia rispetto al cioccolato al latte (da 130 a 450 milligrammi per oncia, rispetto ai 45-58 mg per oncia del cioccolato al latte).

Il cioccolato bianco, d’altra parte, contiene solo 0,25 mg di teobromina per oncia, e quindi rappresenta una minaccia tossica molto inferiore per i cani.

 

QUALI SONO I SINTOMI DELLA TOSSICITÀ DEL CIOCCOLATO NEI CANI?

I sintomi iniziali della tossicità del cioccolato compaiono in genere entro 6-12 ore e possono includere sbavare e ansimare eccessivi, aumento della sete e della minzione e mal di stomaco seguito da vomito e diarrea, secondo l’American Kennel Club (AKC ).

Il cane può avvertire un aumento della frequenza cardiaca e diventare irrequieto, nervoso ed eccitato, proprio come una persona sensibile alla caffeina che ha bevuto troppe tazze di caffè.

Nei casi più gravi, la frequenza cardiaca irregolare dovuta al consumo di cioccolato può ridurre la circolazione, con conseguente calo della temperatura corporea.

I sintomi estremi includono letargia, spasmi muscolari, convulsioni e coma, che a volte portano alla morte. E poiché la teobromina ha una lunga emivita, il che significa che il corpo impiega più tempo per scomporla, i sintomi dell’avvelenamento da cioccolato possono persistere per giorni.

In alcuni casi, i cani consumano cioccolato ma non mostrano sintomi; questo perché la dimensione del dosaggio delle tossine può influenzare la risposta di un animale all’essere avvelenato, secondo l’Office for Science and Society presso la McGill University in Ontario, Canada.

 

IN CHE MODO I VETERINARI TRATTANO L’AVVELENAMENTO DA CIOCCOLATO?

I veterinari in genere trattano la tossicità del cioccolato inducendo il vomito o somministrando dosi di carbone attivo, che elimina le tossine dal sistema digestivo del cane prima che possano essere assorbite dal flusso sanguigno dell’animale, secondo l’AKC.

  • A seconda della gravità dell’avvelenamento, potrebbero essere necessari farmaci o liquidi per contrastare l’avvelenamento.

 

COSA POTREBBE INFLUENZARE LA REAZIONE DI UN CANE AL CIOCCOLATO?

Il modo in cui un cane reagisce al cioccolato può dipendere dalle dimensioni dell’animale, ha affermato il veterinario il dottor Greg Nelson, direttore della chirurgia e direttore della diagnostica per immagini presso la Central Veterinary Associates di Valley Stream, New York.

Un quadrato di cioccolato avrà quindi un effetto più pronunciato su un Chihuahua, che in genere pesa da 4 a 6 libbre (da 1,8 a 2,7 chilogrammi) rispetto a un San Bernardo, che può pesare fino a 180 libbre (81,6 kg).

 

Fonte: traduzione di un bell’articolo di Mindy Weisberger tratto dalla rivista online LiveScience, qui trovi l’articolo originale

Fonte immagine: Gravel_cake | Gravel has his eyes on the chocolate cake – it… | Flickr

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *