Cane: difendiamolo dalla Leishmania!

Il protozoo responsabile della malattia si chiama Leishmania infantum e viene trasmesso al cane tramite la puntura di piccoli moscerini detti pappataci. Sono insetti molto fastidiosi, attivi nelle ore notturne, simili alle zanzare, anche se non ronzano e sono di minori dimensioni.

Nel momento in cui il parassita penetra nell’organismo del cane si possono avere diversi sintomi. Tra i disturbi più comuni ricordiamo malessere generalizzato, diminuzione di appetito, dimagramento e aumento di volume di linfonodi, milza e fegato.

Spesso si manifestano problemi dermatologici, come prurito, ulcere dei margini dei padiglioni auricolari, forfora e crescita abnorme delle unghie. Da non dimenticare il coinvolgimento dei reni, delle articolazioni e degli occhi.

  • La diagnosi è effettuata con specifici esami del sangue mentre la cura, non di rado lunga e complessa, può essere intrapresa con differenti protocolli farmacologici, a seconda del parere del veterinario. La cura, tuttavia, può non essere completamente risolutiva e potrebbero risultare necessari successivi trattamenti in funzione dell’andamento della malattia e delle reazioni suscitate nell’organismo canino.

 

Fonte: Amici di Casa, giugno 2018

 

Il tuo animale domestico è venuto a mancare?

Nell’esprimerti il nostro più sincero dispiacere (ci siamo passati anche noi), ti offriamo il servizio di cremazione animali d’affezione, clicca ora su questo link. Scopri come puoi cremare il tuo animale e averne le ceneri in un’urna anche personalizzata.

Be Sociable, Share!

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *