Merlo Indiano: un gran chiacchierone!

Merlo Indiano: un gran chiacchierone!

Quello indiano riesce a ripetere anche intere frasi, imitando la voce umana. I consigli per sceglierlo, per insegnargli a parlare e per mantenerlo in salute…

Ha una straordinaria capacità di ripetere parole, o intere frasi, che in natura utilizza per ingannare i predatori o gli invasori del suo territorio. Il merlo indiano, il cui nome scientifico è gracula religiosa o maina, è un uccello intelligente e comunicativo che si affeziona molto alle persone con cui vive.

I suoni emessi dall’animale sono resi possibili dalla siringe, un organo situato tra la trachea e i bronchi che vibra al passare dell’aria, alla stessa stregua delle nostre corde vocali.

Non è detto, però, che si riesca a far pronunciare qualche frase a tutti gli esemplari. Per raggiungere lo scopo occorre che l’animale abbia certe caratteristiche e che riesca a entrare in confidenza con la sua famiglia adottiva.

 

ADORA LA VERDURA E SNOBBA I SEMINI

In natura il merlo indiano si ciba principalmente di frutta, insetti e piccoli invertebrati, soprattutto quando deve allevare la prole. Non mangia assolutamente semi (come fanno, per esempio, i canarini).

Il cibo viene preso con il becco e, se troppo grande per essere inghiottito intero, viene rimpicciolito con robusti colpi di testa che hanno, però, il risultato di spargere pezzetti di cibo per un notevole raggio intorno alla gabbia.

L’alimento principale è la frutta (mele, pere, banane, fragole, uva, lamponi) che va somministrata lavata, asciugata e soprattutto non fredda, per evitare disturbi gastrici. Il momento ideale per dargliela è la tarda mattinata, mentre i resti vanno tolti alla sera perché irrancidiscono velocemente e possono causargli fermentazioni intestinali pericolose.

Tra le verdure, il merlo indiano sembra particolarmente ghiotto di:

  • cicoria selvatica,
  • scarola
  • lattuga,
  • cavolo,
  • cetriolo e pomodori.

L’alimentazione dell’animale va integrata con proteine, provenienti da: 

  • carne magra tagliata a pezzettini,
  • ricotta magra,
  • uova sode,
  • biscotti all’uovo.

 

 

Fonte: un vecchio numero di Benefit, dicembre 2003
Fonte immagine: Maina Comune Indian Myna Uccello – Foto gratis su Pixabay

Sara & Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *